Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Mozambico Mozambico Mozambico: Barbara Hofmann, una vita spesa per i bambini del Mozambico Barbara Hofmann, una vita spesa per i bambini del Mozambico

Barbara Hofmann, una vita spesa per i bambini del Mozambico

Commercio equosolidale, Solidarietà, Onlus

L'Associazione Barbara Hofmann in Mozambico si occupa di sottrarre dalla miseria e dalla violenza bambini orfani, poveri, disabili e i ragazzi di strada.

Mozambico. Commercio equosolidale, Solidariet�, Onlus

Sito o fonte Web: www.asemitalia.it/ Barbara Hofmann ha 41 anni. Per lungo tempo ha vissuto nel suo Paese natale, la Svizzera, dove ha lavorato presso banche e grandi imprese internazionali: la sicurezza e i soldi non le mancavano. Eppure nel 1989 ha mollato tutto ed è partita per il Mozambico. Qui ha fondato un’associazione che si occupa di aiutare i bambini in difficoltà: orfani, poveri, disabili, ragazzi di strada. La sua casa di Beira ne è piena, ma è sulle strade polverose della città che Barbara trascorre gran parte del suo tempo. La sua missione? Sottrarre dalla miseria e dalla violenza i figli più sfortunati del Mozambico. Gli stessi che ora la cercano chiamandola "mãe", mamma.

Domanda: Come sei arrivata in Mozambico?
Barbara Hofmann: Sono arrivata nel settembre dell’89, con un’organizzazione internazionale. Ho lasciato quell’organizzazione 6 mesi dopo, per vari motivi. Nel frattempo avevo conosciuto la realtà della guerra e dei bambini di strada e , mi sono detta che quella era la strada da seguire.
Così sono tornata in Europa, ho costituito l’Asem , ho venduto tutto e sono partita.
D.: Così, semplicemente…
Barbara Hofmann: Sì, così. Ormai il cuore mi diceva che dovevo seguire quella direzione per cui non mi restava altro che seguirlo e farmi portare da lui là dove avevo trovato il mio tesoro
D.: Perché hai scelto proprio i bambini ?
Barbara Hofmann: Perché sono le prime vittime di ogni conflitto (Barbara è arrivata in Mozambico durante una sanguinosa guerra civile, terminata nel ’92, che ha causato 1 milione di morti, quasi 2 milioni di rifugiati e oltre 4 milioni di "deslocatos", NDR.). Sono i più vulnerabili, i più indifesi, quelli che non riescono a reagire nemmeno a parole… E poi sono come le radici di un albero: bisogna prendersene cura quando sono ammalate, altrimenti prima o poi l’intero albero cadrà.
D.: Torniamo ai ricordi: quando hai fatto ritorno a Beira?
Barbara Hofmann: In effetti non sono più partita, tranne qualche mese nel 1991 per costituire l’Asem. Volevamo creare un centro per i bambini vittime della guerra. Cominciammo a far pressione sull’amministrazione locale affinché ci concedesse un pezzo di terra in città… Credimi, non è stato facile chiedere qualcosa senza essere pronti a dare qualcosa in cambio.
D.: Come te la sei cavata?
Barbara Hofmann: Ho chiesto a tutti, ho bussato a tutte le porte, presentandomi con un biglietto da visita semplice e essenziale: " i bambini del Mozambico sono i nostri bambini".
D.: I risultati ?
Barbara Hofmann: Di tutto: promesse vaghe mai mantenute, minacce perché ero vista come un potenziale ostacolo a certi loschi traffici come quello dello sfruttamento della prostituzione infantile, derisione e cinismo… Cominciarono a chiamarmi a "louca chata", la rompiscatole pazza… Ma trovai anche tanta gente che mi diede un aiuto provvidenziale: le forze dell’Onumoz (la Missione Onu per il Mozambico, ndr.), gli alpini italiani di stanza a Chimoio, alcune istituzioni e molte persone di buona volontà.
D.: Non ti è mai venuta voglia di mollare e di tornare ad una vita normale?
Barbara Hofmann: No, non ho mai pensato di abbandonare tutto e andarmene. Molte volte mi sono sentita stanca e scoraggiata, ma mai vinta.
D.: Cosa ti sostiene nelle tua missione?
Barbara Hofmann: Ho sempre sentito una forza interiore che viene in gran parte dai bambini stessi. Io mi ricarico quando sto assieme a loro: per questo cerco sempre di trovare del tempo - tra i mille impegni quotidiani - per sedermi con loro, ascoltare le loro storie, condividere le loro piccole o grandi gioie e preoccupazioni… E poi sento di avere i miei "angeli custodi" che mi assistono, mi accompagnano e mi incoraggiano.
D.: C’è un ricordo a cui sei particolarmente affezionata ?
Barbara Hofmann: Ne ho due. Un giorno ero al centro e dovevo assentarmi per cercare del cibo, perché ormai non avevamo quasi più nulla in dispensa. Stavo spiegando le situazione ad un gruppo di bambini con cui mi ero messa a chiacchierare. Loro non volevano sentir parlare di una mia assenza e allora io dissi: "Se non parto in cerca di cibo, voi non potrete mangiare". Dopo un momento di silenzio, uno di loro rispose: "Siamo pronti a restare a pancia vuota purché rimanga un po’ di più con noi".
D.: Uno degli obiettivi che vi prefiggete è di raggiungere l’autofinanziamento del vostro centro: un’impresa difficile ?
Barbara Hofmann: Ci stiamo muovendo nella direzione giusta. La gran parte del finanziamento viene tuttora dall’estero, però la gestione del centro è totalmente in mano ai mozambicani, che hanno dato una grande prova della loro capacità quando, tre anni fa, io ho rischiato di morire per una grave forma di malaria cerebrale che mi ha lasciato fuori gioco per vari mesi.
D.: I bambini che ospitate nei vostri centri potranno, un giorno, riavere una vera famiglia ?
Barbara Hofmann: In Africa c'è un concetto di famiglia estesa molto più ampio di quello occidentale, per questo si parla di famiglia naturale e di famiglia allargata. I bambini che sono ospitati nei nostri centri hanno spesso un parente che sarebbe disposto ad accoglierlo in casa, se avesse i mezzi economici per farlo. L'Asem si propone di ricostruire la storia di ogni bambino per aiutarlo a rintracciare la famiglia e valutare la possibilità di un reinserimento nella comunità di origine. Questo processo prevede una serie di visite all'eventuale famiglia di reinserimento, in seguito alle quali viene lasciata la libertà di scelta al bambino. Dopo il reinserimento l'Asem assicura comunque un sostegno economico: al bambino, affinché possa continuare a frequentare la scuola; ai ragazzi più grandi, per avviare una attività che garantisca una minima indipendenza.
D.: Cosa occorre per riuscire a lavorare in un posto così difficile ?
Barbara Hofmann: La forza dell’amore: devi sentirla dentro di te e sperla trasmettere. E poi il contatto diretto coi bambini: noi non siamo dei funzionari, loro non sono degli ospiti di un istituto… Siamo una grande famiglia, tutto qui. Un approccio inusuale per chi si occupa di assistenza all’infanzia in Africa… Ci manteniamo fuori dal "sistema" in cui operano tante organizzazione umanitarie. E rivendichiamo la nostra libertà: quello che possiamo fare lo facciamo da soli, senza dovere poi favori a destra o a sinistra, o accettare politiche che non condividiamo.
D.: Negli ultimi anni hai ricevuto titoli onorifici e premi: una bella soddisfazione e forse anche una rivincita su chi ti chiamava "louca chata"…
Barbara Hofmann: Sinceramente non mi sento cambiata da questi riconoscimenti e non ho provato nemmeno un senso di rivalsa su chi mi aveva trattato come un pezza da piedi. Mi auguro che abbiano capito che avevano sbagliato, ma è comunque acqua passata. Cercare la felicità è anche questo: saper archiviare i torti e passare ad altro.
D.: Sei stata ricevuta anche dal Papa: cosa conservi di quell’incontro?
Barbara Hofmann: Un ricordo che parrà strano: il Papa aveva un occhio socchiuso ma l’altro mi fissava attentamente e in esso ho visto l’apertura verso il mondo in cui viviamo, il desiderio di amarlo così com’è prima di cambiarlo. Nella profondità di quello sguardo ho intravisto un cuore ancora giovane, dinamico e bello.

Se vuoi aiutare i bambini in Mozambico puoi scegliere tra le eguenti formule:
- Contribuire con una donazione libera.
- Adottare un bambino a distanza per aiutarlo a crescere meglio nel suo paese, con un contributo di Euro 312 all'anno, finché lo riterrai opportuno.
- Provvedere alla formazione professionale di un ragazzo, e avviarlo ad un mestiere con un contributo di Euro 775 all'anno per due anni consecutivi.

Le quote possono essere pagate con versamento annuo, trimestrale o mensile, tramite versamento su: ASEM ITALIA ONLUS c/c 8500 Banca Popolare del Commercio e Industria agenzia 39 di Roma abi 5048 cab 03200

oppure

c/c Postale n. 17000019 intestato ASEM ITALIA ONLUS causale bambini Mozambico

o ancora

con carta di credito telefonando allo 06 4748 1237

Più informazioni sul sito (referer) (Pubblicato il 15 marzo 2004) - Letture Totali 743 volte - Torna indietro

1 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Mozambico: tutti gli articoli/racconti Mozambico: tutti gli articoli/racconti
Mozambico Mozambico. Passaporto
Chi desidera recarsi nel paese deve essere in possesso di passaporto in co...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Mozambico su Twitter
Mozambico Mozambico. Passaporto
In corso di validità di almeno sei mesi

Visto
Per ottenere...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Mozambico su Twitter
Mozambico Mozambico. L'aeroporto è circa un km a nord-ovest dal centro di Maputo: sono disponibili taxi e autob...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Mozambico su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella