Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Etiopia Etiopia Etiopia: Le chiese rupestri del Tigrai Le chiese rupestri del Tigrai

Le chiese rupestri del Tigrai

Racconti e Articoli di Viaggio

Le chiese rupestri del Tigrai, di Monica Genovese per www.ilreporter.com

Le chiese rupestri del Tigrai

Sito o fonte Web: www.ilreporter.com Etiopia settentrionale. Regione del Tigrai. Paesaggi stupefacenti, natura lussureggiante di un verde intenso, vallate profonde e montagne dalle vette ripide e scoscese. Questa zona dell'Africa ammalia lo sguardo di ogni viaggiatore che osserva stupito o viene avvolto dalla fitta e densa nebbia che, d'improvviso, nella stagione delle piogge, si disegna nell'aria come un acquarello.

Qui, in questa remota parte del mondo, nel Corno d'Africa, si trovano le più spettacolari e difficili da raggiungere chiese e monasteri rupestri. Antichi edifici ben conservati che, in cima ai monti negli anfratti più sperduti, celati dalla vegetazione, si stagliano in tutta la loro magnificenza.

Centoventi chiese circa abbarbicate sui picchi montani del Tigrai. Alcune sono visitabili solo agli uomini, mentre l'ingresso è vietato alle donne e a tutti gli animali di sesso femminile.

Ogni monastero, dalla pianta circolare, presenta al suo interno ricchi affreschi colorati coperti da spessi tendoni scuri e molti di questi raffigurano personaggi dall'aspetto inquietanti. Divoratori di esseri umani e santi convivono sulla stessa parete a far bella mostra di se.

In ogni chiesa, celata alla vista di tutti, tranne che dei preti, si trova, secondo la tradizione etiope, una copia dell'Arca dell'Alleanza, la cui versione originale venne sottratta da Gerusalemme e portata in Etiopia nel primo millennio a.C. dal sovrano Menelik. Oggi si ritiene che si trovi nella chiesa di Santa Maria di Sion nella città delle stele Aksum.

Le strutture religiose del Tigrai sono accessibili solo con un buon passo da trekking, impegno e volontà . Per raggiungerle, spesso è necessario camminare per due, tre ore in salita, arrampicandosi lungo le pareti rocciose dei monti.

La difficoltà è media, ma l'altitudine della zona, e il fango lasciato dalle piogge, non aiuta, la respirazione mentre si scala. La prudenza è indispensabile, soprattutto se - come capita – si viene sorpresi da un temporale.

In questi casi, numerosi ragazzini, con molta insistenza e, a volte, in maniera fastidiosa, si offrono, dietro compenso, di accompagnare i viaggiatori lungo la salita ai monasteri. Il loro passo è veloce, scaltro e abituato all'asprezza del territorio.

Rappresentano una buona guida. Conoscono la via di arrampicata più sicura e stabile, ma, vista la miseria del Paese che spinge anche i più piccoli ai furti, è bene fare attenzione al portafogli.

Una delle chiese meno accessibili, la più antica d'Etiopia e aperta solo al pubblico maschile è Debre Damo, risalente forse al X, XI secolo, in stile architettonico aksumita. Si trova su un'amba, ovvero la sommità piatta del monte dal quale fa capolino senza celare ciò che rappresenta, un minuto mondo autonomo dove sacerdoti, giovani e vecchi, vivono coltivando la terra da soli e pascolando il loro gregge, così da non scendere mai, o quasi mai, a valle.

Per salire a Debre Damo servono mani, piedi e una corda. Gli uomini, in fila, uno dopo l'altro, aspettano in basso, sotto la chiesa, di venire issati dalle forti braccia di un prete del posto. Letteralmente.

Bisogna farsi tirare su tramite una vecchia corda il cui odore sembra ricordare quello delle capre, aiutarsi con le mani e spingersi con i piedi per circa una quindicina di metri. Una sensazione - così raccontano i visitatori maschi - intensa e un po' ansiosa, ma di sicuro effetto. Lascia il segno, insomma. Per tornare giù? la medesima storia. Ovviamente, al contrario. (Pubblicato il 12 febbraio 2010) - Letture Totali 849 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Etiopia: tutti gli articoli/racconti Etiopia: tutti gli articoli/racconti
Etiopia: ora la meta è Dallol Etiopia: ora la meta è Dallol. Dallol, un luogo senza eguali che ci riporta alle origini del pianeta. Per i Dancali è il ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Etiopia: ora la meta è Dallol su Twitter
Viaggio in Etiopia Viaggio in Etiopia. Impressioni di un viaggio in Etiopia nel Novembre 2005, di Sara Francucci (sarafrancucci@v...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Viaggio in Etiopia su Twitter
Surma, il popolo guerriero Surma, il popolo guerriero. Racconto di una escursione in territorio Surma, nella valle del fiume Omo, nel sud ovest d...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Surma, il popolo guerriero su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella