Home Destinazioni Destinazioni Europa Europa Turchia Turchia Turchia: Turchia, in riva al fiume Tigri Turchia, in riva al fiume Tigri

Turchia, in riva al fiume Tigri

Racconti e Articoli di Viaggio

Turchia, in riva al fiume Tigri di Monica Genovese per www.ilreporter.com

Turchia, in riva al fiume Tigri

Sito o fonte Web: www.ilreporter.com E’ estate. Un’estate torrida, persino per la Turchia. Siamo nella zona sud orientale del paese, quella confinante con l’Armenia, l’Iran, l’Iraq.

Ogni tanto, vista la vicinanza ai confini, gruppi di giovani militari fermano il nostro pulmino, carico solo di viaggiatori e di pochi bagagli, per verificare il nostro percorso.

Armati di tutto punto, questi controllori che non parlano affatto inglese, osservano i nostri volti occidentali, sudati e abbronzati dal cocente sole. Poi, con un gesto della mano e qualche parola in turco o in curdo all’autista ci lasciano proseguire il viaggio tranquillamente.

Le strade sono piuttosto accidentate e il pulmino tutto fa, tranne che scorrere agevolmente su questo improbabile asfalto. Arriviamo in un piccolo paese dal nome impronunciabile, Hasankeyf, sulle rive del fiume Tigri. Un antico villaggio, pacifico e abbastanza silenzioso che emerge dalle scogliere di arenaria che lambiscono le acque. Numerose botteghe espongono la tipica bigiotteria, qualche tappeto, amuleti, artigianato e i prezzi sono economici.

I negozianti, come usanza vuole, ci invitano ad osservare la merce e ci offrono di bere insieme un bicchierino di ottimo te’ bollente. Come rifiutare? Qui, l’ospitalità è una cosa seria ed è un modo per interagire con la popolazione. Certo, ci si spiega a gesti. Ci si improvvisa mimi, ma alla fine, le barriere linguistiche si abbattono, almeno in parte e i sorrisi aiutano. Inutile dire che, lasciato il negozietto di turno, ci si ritrova con un acquisto in mano.

L’atmosfera di questo luogo è particolare. Sull’altopiano che domina il letto del fiume si scorgono le rovine di una rocca realizzata dall’imperatore bizantino Costantino il Grande. Si tratta di grotte scavate nelle pareti tre millenni or sono. Abitate fino agli anni Sessanta. Oggi queste caverne sono adibite a botteghe. Sembrano alveari.

Qualcuno dorme, all’ombra, su uno sperone della montagnola e in riva al Tigri si trovano dei piccoli bar con comode piazzole realizzate come palafitte con il tetto di paglia. Pedane in legno, rivestite da tappeti e da cuscini e i cui pali, almeno alcuni, sono piantati direttamente nelle acque del Tigri.

Questo fiume di cui, da bambini, si legge nei libri di geografia, nasce in Turchia e si sviluppa in Siria e in Iraq, fino a raggiungere la pianura alluvionale della Mesopotamia meridionale. Seduta all’ombra delle piante, su una delle palafitte, sorseggio una bibita fresca e dolce. Ho bisogno di zuccheri. Oggi ci sono 45-50 gradi circa. Dalla mia posizione osservo delle ragazzine turche pescare nel Tigri. Sono vestite da capo a piedi.

Pescano con un sottile filo bagnandosi gli abiti e non facendo caso al caldo. Una di loro indossa un chador rosa sul capo e preso un pesciolino me lo mostra orgogliosa. Cerco di mimarle i miei complimenti e qualsiasi cosa lei abbia capito sembra contenta perché annuisce e sorride.

Torna alla sua pesca. La guardo e penso che, forse ha una quindicina di anni, ma qui l’età è indefinibile. Le ragazze si sposano molto giovani, adolescenti, e la mia pescatrice potrebbe avere già un marito e un figlio a casa. La vita difficile, le molte gravidanze non facilitano, certo la cura del corpo.

Lasciamo Hasankeyf, le sue ancestrali caverne, i tesori archeologici, il Tigri, la vallata del fiume. Lasciamo questo sito, mentre quelle ragazzine interrompono la loro pesca per salutarci con la mano.

continua "Turchia, in riva al fiume Tigri" (Pubblicato il 03 luglio 2009) - Letture Totali 112 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Turchia: tutti gli articoli/racconti Turchia: tutti gli articoli/racconti
Perdersi nei mercati e negli odori di Istanbul Perdersi nei mercati e negli odori di Istanbul. Perdersi nei mercati e negli odori di Istanbul, di Carlo Pandian ama viaggiare e scrivere ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Perdersi nei mercati e negli odori di Istanbul su Twitter
La terra dei bei cavalli La terra dei bei cavalli. La terra dei bei cavalli, emozioni in Cappadocia, di Federica Giuliani...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi La terra dei bei cavalli su Twitter
Il cielo di maiolica blu Il cielo di maiolica blu. Viaggio nella Turchia dell'est, di Federica Giuliani...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Il cielo di maiolica blu su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella