Home Destinazioni Destinazioni Africa Africa Namibia Namibia Namibia: Namibia: La terra degli Himba Namibia: La terra degli Himba

Namibia: La terra degli Himba

Racconti e Articoli di Viaggio

Namibia: La terra degli Himba è il reportage di un viaggio e di un mondo in cui uomini e animali vivono a stretto contatto e in completa sintonia con la natura circostante, di Claudio Gradari, Eva Fattarelli e Marilisa Somma foto Claudio Gradari, Roberto Moiola e Luca Castagnola, per www.viaggiatoriweb.it

Namibia: La terra degli Himba

Sito o fonte Web: www.viaggiatoriweb.it Il nostro viaggio in Namibia è stato abbastanza impegnativo (ca. 5000 km complessivi in 20 giorni), soprattutto per le condizioni delle strade. Se si esclude infatti la principale arteria che attraversa il Paese da sud a nord e alcune tratte presso le principali cittadine, il resto del sistema stradale è sterrato e molte tappe si sviluppano per centinaia di km in uno scenario totalmente desertico. Un primo suggerimento quindi per i futuri viaggiatori: dotarsi di scorte d'acqua, viveri e benzina.

In compenso, non è necessaria una 4x4, anche se consigliabile. La scelta del periodo di viaggio è caduta nel mese di agosto, sia per esigenze lavorative, sia perché a quelle latitudini la stagione è più secca e quindi più favorevole all'avvistamento degli animali nei pressi delle poche pozze d'acqua. Altro particolare non trascurabile, la stagione secca è quella meno favorevole alla malaria. Il percorso inizia a Windhoek, la capitale, ove arriviamo con volo notturno diretto da Monaco.



Ritirata l'auto a noleggio, trascorriamo la prima giornata in città, alla scoperta di mercatini etnici e angoli caratteristici. In Post St Mall, centro pedonale della città, è possibile osservare alcuni meteoriti ferrosi appartenenti ad una "pioggia meteoritica" che colpì in un remoto passato il sud della Namibia. Il viaggio prosegue quindi verso nord, attraversando piccoli villaggi e aree desertiche segnate da enormi termitai. Facciamo tappa al Waterberg Plateau, un vasto altipiano e riserva naturale che si eleva isolato a 150 metri sulla pianura circostante.

Dalla cima, raggiungibile con una facile passeggiata, godiamo di una splendida visione a 360 gradi. La notte nel lodge è accompagnata da una stellata incredibile che solo in un precedente viaggio in Sudafrica avevamo potuto godere. L'aria tersa e la totale assenza di inquinamento luminoso contribuiscono allo spettacolo.

Etosha Park, a contatto con la natura selvaggia

Il giorno successivo entriamo nell'Etosha Park dal gate est, facendo base per il pernottamento presso l'ex forte coloniale tedesco di Namutoni da dove osserviamo un tramonto spettacolare dalla sua torre. L'Etosha Park è una distesa di 20.000 kmq che comprende una vasta depressione bianca (chiamata "pan") circondata da una rada foresta, habitat naturale di centinaia di mammiferi ed uccelli. Abbagliante il contrasto che ci colpisce tra il bianco del terreno ed il colore blu cobalto del cielo.



Il nostro piano prevede l'attraversamento del parco (rigorosamente in auto, come raccomandato), percorrendo le varie piste laterali che conducono alle pozze di abbeveraggio degli animali. Nei diversi punti di osservazione abbiamo così l'opportunità di osservare zebre, giraffe, gnù, elefanti, orici, gazzelle e impala, oltre a svariate specie di uccelli. Più raro l'avvistamento dei felini, meno "disponibili" al contatto.

Usciti dall'Etosha Park, dal gate sud e visitato un villaggio Himba, una delle etnie aborigene della Namibia, ci dirigiamo verso il mare, fermandoci a visitare le pitture rupestri dei boscimani, nei pressi di Twifelfontein. Su un gruppo di rocce sono disegnati o incisi animali e scene di caccia, che vengono fatte risalire a circa 5000 anni fa e che testimoniano il livello raggiunto da una popolazione che ha fatto la storia, o, per meglio dire, la preistoria della regione sudafricana. continua "Namibia: La terra degli Himba" (Pubblicato il 24 aprile 2009) - Letture Totali 617 volte - Torna indietro

0 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Namibia: tutti gli articoli/racconti Namibia: tutti gli articoli/racconti
Diario di viaggio in Namibia Diario di viaggio in Namibia. Articolo sulla Namibia, di Luca Flocchini (luca.flocchini@gmail.com)...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Diario di viaggio in Namibia su Twitter
Viaggio in Namibia: dove lo sguardo rincorre l’orizzonte Viaggio in Namibia: dove lo sguardo rincorre l’orizzonte. Racconto e itinerario di viaggio fai da te in namibia, di Marco Ciccone...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Viaggio in Namibia: dove lo sguardo rincorre l’orizzonte su Twitter
Viaggio in Namibia Viaggio in Namibia. Viaggio in Namibia, attraverso Windhoeck, Etosha, etnie Himba ed Herero, Skeleton Coast, e...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Viaggio in Namibia su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Viaggio in evidenza!
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella