Home Destinazioni Destinazioni SudAmerica SudAmerica Bolivia Bolivia Bolivia: La città col nome più bello del mondo! La città col nome più bello del mondo!

La città col nome più bello del mondo!

Racconti e Articoli di Viaggio

Un itinerario in Bolivia, di Caterina Morina per www.viaggiscoop.it

La città col nome più bello del mondo!

Sito o fonte Web: www.viaggiscoop.it Nuestra Señora de La Paz... città strana, grigia e difficile da amare.. di forma conica, il vero centro della città si trova al fondo, nell’abisso della vallata, alzando gli occhi ci si scopre circondati da un continum di costruzioni che si innalza fino a coprire il cielo.. come essere caduti nel cratere di un vulcano..

Così difficile è amare La Paz ( La Pace, che bel nome!!) … il suo disordine architettonico, gli edifici incastrati gli uni sugli altri mischiando antico e moderno senza pietà..

La Paz è un insulto al paesaggio che diviene a suo modo poesia…

Difficile non amare La Paz dopo averci passato più di 4 giorni, quando Calle Jaen dai colori sgargianti ti trasmette il suo fascino di paradiso artificiale, quando non è più difficile orientarsi e ogni luogo comincia a diventare parte di te.

Appena fuori dal dedalo di case, El Valle de La Luna, stravagante paesaggio di Canyon proprio alle porte della metropoli… da non perdere!! Dalla parte opposta, uscendo da La Paz, la grandissima città di “El Alto”.. rumorosa e caotica, un mercato a cielo aperto.. labirintica e soffocante. Vanta però l’aeroporto più alto del mondo.. dove gli aerei della LAB possono tranquillamente partire con ore… o giorni.. di ritardo.

A soli 2 ore di distanza, la cittadina perduta di Tihuanaku, che molti credevano Atlantide, e che ancora oggi incanta per i suoi misteri… come poteva questo popolo pre-incaico possedere così tante conoscenze tecniche e astronomiche? Avevano progettato un sistema di amplificazione della voce servendosi di un marchingegno di pietra strutturato su modello dell’orecchio umano.. potevano scolpire i volti di tutte le razze del mondo.. senza essere mai venuti a contatto con esse.. o forse chissà.. mi piace pensare che questi contatti tra popoli c’erano già stati.. ancora prima della spietata era colonialista.

Le grandi figure dei sacerdoti, sono scolpite nella pietra con una mano al rovescio.. e non si tratta di malformazioni né di un errore.. sta a rappresentare il Dare e il Ricevere, necessari per il mantenimento dell’armonia.

Tihuanaku è un luogo magico, da gustare senza fretta, accompagnato dalla lettura di un buon libro per farsi un’idea dei suoi tanti interrogativi irrisolti.

Con un po’ di pazienza, attraversando il lungo cammino delle Yungas (un tempo definita la + pericolosa strada al mondo, ora per fortuna è stata aperta una via alternantiva) si può raggiungere Coroico.. “La Puerta De Amazonia”, definito l’antipasto dell’Amazzonia Boliviana ti trasporta in un mondo rilassante di vegetazione rigogliosa e cascate.

Particolarmente piacevole è riprendere fiato e sentirsi di nuovo leggeri dopo aver passato diversi giorni alle altitudini eccessive di La Paz che mettono a dura prova le capacità di resistenza .
Nascosti in questo paradiso verdeggiante, le coltivazioni dei Coqueros; non dimentichiamoci che in Bolivia il consumo di Coca non trattata è legale, anzi, si abbina anche a pratiche religiose ed è considerato non solo un tonificante ma una vera e propria medicina. Coca infatti, nella tradizione dei nativi è figlia di Pachamama, la madre terra.. che la donò all’uomo per sconfiggere la fatica e vincere il dolore.. una leggenda boliviana ci lascia le parole di un saggio preoccupato per l’invasione straniera “..se l’uomo bianco si avvicinerà alla nostra sacra coca, ne distruggerà la sua natura, fino a distruggere sé stesso…” e purtroppo la sua intuizione si è avverata.

LE Yungas sono un vero e proprio paesaggio tropicale, popolato di insetti ahime!! noiosissime zanzare, le cui punture lasciano il segno e il bruciore per settimane… ma vale davvero la pena di impiegare un po’ di tempo alla scoperta di questo luogo romantico e surreale.

Cascate altissime completamente nascoste nella selva appaiono all’improvviso dopo aver attraversato umidi sentieri fangosi circondati dal rumore di un fiume agitato, che non si riesce a vedere, e dal canto di milioni di uccelli.

Il Lago Titicaca poi è un mondo a parte, ha il colore e il profumo del mare.

Le dolci montagne dell’Isla del Sol si specchiano vanitose sulle sue acque cristalline.. tra il verde degli alberi e tratti di aspre pareti rocciose.. quest’isola è un piccolo continente.. non potevo immaginarmi che potesse essere così bella… le isole del Titicaca sono delle vere perle dai territori incredibili capaci di commuovere e stregare anche il viaggiatore più scettico.

Ma la Bolivia è molto di più.. può trascinarti nella selva profonda o regalarti lo straniamento assoluto nel maestoso Deserto di Sale ad Ayuni.. meta che purtroppo.. per ragioni di tempo e problemi climatici (marzo è la stagione delle piogge e quindi la meno indicata per scoprire la Bolivia.. purtroppo) non siamo riusciti a vedere e siamo tornati al nostro amato Perù.

Pazienza.. al prossimo viaggio.. Uyuni si può raggiungere facilmente anche dal Cile…

Un saluto a tutti .. e visitate la Bolivia!! Si può viaggiare tranquillamente in libertà.. non c'è motivo di avere paura e costringersi in un noioso tour organizzato.

Le Bolivia Vi conquisterà se vi lascerete conquistare!! (Pubblicato il 19 febbraio 2008) - Letture Totali 212 volte - Torna indietro

1 Commenti - Voti : 1 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Bolivia: tutti gli articoli/racconti Bolivia: tutti gli articoli/racconti
Bolivia a tutta birra Bolivia a tutta birra. Reportage di viaggio scritto a caldo attraverso la provincia di Tarija in Bolivia, marzo 2...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Bolivia a tutta birra su Twitter
Naturaid Bolivia 2003 Naturaid Bolivia 2003. Racconto del viaggio in MTB in Bolivia, partito da San Pedro de Atacama, passsando per le ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Naturaid Bolivia 2003 su Twitter
Salar de Uyuni: il deserto bianco Salar de Uyuni: il deserto bianco. Racconto di viaggio al Salar de Uyuni, Bolivia, di Adriano Socchi...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Salar de Uyuni: il deserto bianco su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella