Home Destinazioni Destinazioni Nord America Nord America Usa. Stati Uniti Stati Uniti Usa. Stati Uniti: Verso nord, verso sud Verso nord, verso sud

Verso nord, verso sud

Racconti e Articoli di Viaggio

Breve racconto di un viaggio lungo l'Alaska, Usa. Stati Uniti, in bicicletta, a cura di Irene Russo (staff AllAmericanBikers) fullcontact@allamericabikers.com

Verso nord, verso sud

Mile zero, alla fine dell’Alcan. Il primo capitolo del nostro viaggio si conclude qui, l’Alaska-Highway finisce a Dawson Creek. 2500 km sono andati e con chiunque ne parliamo ci fa i complimenti per aver sottomesso l’Alcan. Che questo tratto sia il più facile del nostro viaggio, sono in pochi a saperlo. Non ci si può aspettare molto dalle conoscenze geografiche di un americano medio. È forse necessario sapere che l’Argentina è in Sud America o poter identificare ad uno ad uno gli stati che ci stanno in mezzo? Basta sapere che sono posti pericolosi e che i loro abitanti non parlano neanche l’inglese.

Va be’, non sono mica loro che ci vogliono andare, loro vogliono andare al Nord. Vedere l’Alaska, il loro Cinquantesimo Stato. Ogni bravo americano deve aver visto tutti gli stati, e visto che quello è un po’ più lontano degli altri la maggior parte della gente ci va da vecchia. Ecco perché l’età media sull’Highway è così alta. Il clima d’estate in Alaska è abbastanza mite rispetto al resto degli USA. Allora si carica la RV, la Recreation Vehicle, e via sull’Alcan , “to spend the summer”. Per quel che ci riguarda, questo movimento continuo verso Nord è stato provvidenziale per il nostro approvvigionamento idrico.

Per tanti americani, questo viaggio non è niente più che una lunga trasferta passando per il Canada. Il viaggio sull’Alaska-Canada-Highway è un pezzo di cultura americana, una sorta di pellegrinaggio. Fino al 1942, quindi prima di Pearl Harbour e prima dell’ingresso degli USA nella seconda guerra mondiale, si poteva raggiungere l’Alaska e gran parte del Canada occidentale solo in aereo o in barca. Non c’era una strada, ma solo giungla fitta. I pochi abitanti a nord di Edmonton erano particamente isolati dal resto del mondo. In caso di un attacco giapponese, questo sarebbe stato un grosso problema. Per motivi strategici, ci voleva una strada. Quello che per tanti sembrava impossibile è stato fatto: con il classico spirito americano “anything goes” - dopo 10 mesi l’Alaska è stata connessa alla “Lower 48”. Ancora oggi, gli americani celebrano se stessi: festeggiano il fatto di aver costruito una meraviglia del mondo moderno.

Per il Canada la questione era un’altra. Una gran parte del paese poteva così essere collegata ed esplorata, si fondavano città e si potevano estrarre petrolio e gas. Che sono ancora oggi la principale fonte di reddito del British Columbia e dell’Alberta. La maggior parte della gente comune è ricca. Molto ricca. Abbiamo conosciuto alcuni giovani intorno ai venti che praticamente senza nessuna formazione lavorano sulle piattaforme di gas naturale e portano a casa 10.000 dollari o più al mese. Intanto i centri residenziali crescono, si costruisce a manetta. In truciolato. Sul serio: ogni nuova costruzione viene tirata su dalla cantina al tetto con questo legno compresso, a cui vengono aggiunti 7 cm di isolamento e un rivestimento.

Siamo stati ospitati in proprietà incredibili, per esempio da John, a Watson Lake, direttamente sulla riva del lago. A volte abbiamo pernottato su un divano di lusso in cantina; altre volte abbiamo dormito fianco a fianco con le bestie nella stalla. Come dire, le due modalità di comfort potrebbero essere definite rispettivamente “Scarpa di vernice” e “Scalzi”. Come foglie al vento, la fortuna ci regala l’una o l’altra sorte.

Alcuni ci hanno ospitati con estrema cortesia, e noi viaggiatori stanchi in un attimo ci trasformavamo in convitati trattati come principi. E quando queste persone raccontano della loro vita non è mai noioso. John quarant’anni fa pesava le barre d’oro a Dawson Creek; oggi attraversa il lago in canoa per andare a trovare un amico. Si dice che abbia la figlia più bella dello Yukon, ma noi l’abbiamo vista solo sulla foto appesa al frigo. Lei vive in California e suona la batteria di un AC/DC coverband.

Ci siamo divertiti alla grande con Chelsey e Jordan a Fort Nelson. Dopo tre giorni nella giungla, ci voleva un giorno di riposo, almeno per riportare alla decenza il livello di alcol nel sangue. Quando la nostra squadra preferita di hockey su ghiaccio ha perso clamorosamente nella Stanley-Cup, abbiamo trovato consolazione da Megan e Larry, che ci hanno adottati per una notte e viziati con una colazione da sogno.

Ci siamo sempre sentiti protetti. Quando veramente urgeva il bisogno, stava per finire l’acqua o il serbatoio era vuoto, potevamo sempre contare su Günther e Uschi. Günther potrebbe stare al primo posto della cavalleria, con la sua birra e la zuppa in lattina sempre a portata di mano nelle tasche della sella, e Uschi che prepara il caffè. Per una pura coincidenza, abbiamo incontrato più di una volta questa coppia di pensionati di Hannover durante il viaggio.

C’è un strano legame tra le persone sull’Alaska-Highway. Lì dove la natura viene interrotta solo da una striscia di asfalto, cosi a nord, i viaggiatori si sentono più vicini l’uno all’altro. E viaggiatori sono quasi tutti. Domina un’atmosfera di vacanza. I camionisti salutano con la più grande gioia l’America del Nord, e per il resto tutto è molto rilassato.

In un bagno ho trovato delle curiose istruzioni per tirare l’acqua. Mi sono permesso di prenderle in prestito e di battezzarle come la filosofia dell’Alcan. In questo posto intimo, attaccato al lavabo e sotto a un doppio strato di pellicola di plastica, c’erano scritte queste righe:

If its's yellow,
keep it mellow.
If it's brown,
flush it down.
(Se è gialla, puoi lasciarla,
se è marrone, giù lo sciacquone)


Questo è il breve racconto di una parte di un lungo viaggio lungo le americhe, in bicicletta. Potete seguire l’intero viaggio su www.allamericabikers.com (Pubblicato il 07 settembre 2006) - Letture Totali 284 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Usa. Stati Uniti: tutti gli articoli/racconti Usa. Stati Uniti: tutti gli articoli/racconti
Miniguida alle riserve indiane Miniguida alle riserve indiane. Questa miniguida alle riserve indiane è stata scritta da Raffaella Milandri (raffaellamila...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Miniguida alle riserve indiane su Twitter
Viaggio in Alaska: in giro per la Kenai Peninsula Viaggio in Alaska: in giro per la Kenai Peninsula. Viaggio in Alaska: in giro per la Kenai Peninsula, reportage di viaggio di Gabriella Mazzo...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Viaggio in Alaska: in giro per la Kenai Peninsula su Twitter
Stelle e bisce Stelle e bisce. Breve racconto di un viaggio lungo Usa. Stati Uniti, Idaho, Washington, Oregon, in bicicle...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Stelle e bisce su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Viaggio in evidenza!
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella