Quang Ngai

Racconti e Articoli di Viaggio

Racconto e impressioni di viaggio in Vietnam, nella città e provincia di Quang Ngai, di Lorenzo Mazzoni[img] - Inviato il 04 marzo 2005 da Lorenzo_Mazzoni.

Quang Ngai

L’Espresso della Riunificazione, il treno che collega Ho Chi Minh Ville ad Hanoi, entra nella stazione di Quang Ngai alle quattro del mattino dopo nove ore di viaggio. Scendiamo solo noi. Siamo riposati, poiché agli stranieri (in verità non ne abbiamo visto nessuno sul nostro convoglio) è concesso il privilegio di viaggiare in prima classe. In Vietnam la prima classe consiste in cuccette comode che purtroppo non riescono ad eliminare l’agonia dell’aria calda mossa dal ventilatore inchiodato al soffitto.

Abbiamo lasciato alle nostre spalle la città costiera di Nha Trang, il primo timido e triste tentativo dell’occidente di appropriarsi delle potenzialità turistiche del Vietnam: spacciatori di erba, massaggiatrici speciali, bar sulla spiaggia gestiti da australiani abbronzati.

[/img]

Fuori dalla stazione ferroviaria gli Honda om (moto-taxisti “fai da te” presenti in ogni realtà antropizzata del Vietnam) non sono abituati a vedere stranieri, non parlano inglese né francese: comunichiamo a gesti. Veniamo caricati da due magri e silenziosi motociclisti che ci conducono, attraverso strade buie, davanti ad una serranda abbassata. Cinque minuti dopo il proprietario la solleverà, mostrandoci la sua opera completa dei teorici del marxismo-leninismo, il busto dello zio Ho e, finalmente, la nostra stanza.

Disfiamo i pochi bagagli, facciamo un sonnellino di quattro ore e iniziamo ad immagazzinare le prime immagini nitide della città: dalla finestra osserviamo una coppia di anziani praticare thai chi sotto gli alberi. Delle studentesse in ao dai, passano ridendo. Davanti ad un ristorante, degli operai fanno colazione con dei phở, i gustosissimi tagliolini in brodo, piatto fondamentale della dieta vietnamita. Il traffico della via principale si sveglia ma non riesce a sormontare il coro altissimo dei grilli, a migliaia, sugli alberi.



Quang Ngai (talvolta abbreviato in Quangai o storpiato in Quang Nghia) è capoluogo della provincia omonima. Tagliata a metà dalla Statale 1, che qui prende il nome di Đ Quang Trung, è stata costruita sulla sponda meridionale del fiume Tra Khuc, noto in tutto il Vietnam centro-meridionale per le sue gigantesche turbine idrauliche. Quang Ngai è anche famosa per la prelibatezza locale, il Cơm Gà (pollo cotto insieme a riso giallo e guarnito con zuppa di uova, coriandolo, foglie di menta e cipolla), che si può mangiare nelle mense popolari e in tutti i ristoranti della città.

La provincia di Quang Ngai è una delle più popolate della nazione grazie al suo entroterra prevalentemente pianeggiante, che l’ha resa meta, a volte cercata a volte obbligata, di un esodo interno di agricoltori. I villaggi sono sorti ovunque, formando una rete capillare di insediamenti autosufficienti ma fortemente legati l’un l’altro che presentano una tipica forma allungata, con case addensate lungo le strade e i corsi d’acqua. Bình Sόn, Bình Châu, Sa Kỳ: agglomerati di baracche nei quali scorazzano maiali selvatici e bufali.



Mentre li attraversiamo a bordo di un Honda Dream prestatoci dal proprietario dell’albergo, scorgiamo piccole stanze pastellate di azzurro aperte sulla strada: il privato si affaccia sul pubblico. Salutiamo un barbiere che, con l’ausilio di uno specchio legato al tronco di un albero, taglia i capelli ad un giovane cliente. Per le strade polverose i bambini con la divisa della scuola schiamazzano felici. Poco lontano dalla spiaggia di Bien Khe Kỳ, una lunga distesa bianca coperta di pini, gli abitanti di Son My allevano gamberi.

I villaggi costituiscono le fondamenta socio-economiche dell’identità vietnamita. Grazie a questi, il Vietnam assume la sua struttura storica di base. Per secoli i vietnamiti si sono prodigati nella costruzione di un sistema duttile e dinamico: un villaggio dopo l’altro; una risaia dopo l’altra, con le sue dighe e i suoi canaletti. Hanno edificato un sistema socio-economico che impone un posto ben definito a ciascuno.

Il modo di vivere vietnamita si traduce nell’immane fatica collettiva di trasformare un paesaggio di foreste in una miniatura di colture quadrettate. La socializzazione e l’organizzazione politica da cui deriva, costituiscono per il contadino vietnamita un forte elemento identitario, capace di diventare il senso stesso della sua vita. Il villaggio gli fornisce un clima familiare, affettivo e culturale, ne costruisce la tempra. In questa unità, in questa coesione, il popolo vietnamita ha trovato la forza, nei secoli, di resistere agli aggressori: cinesi, giapponesi, francesi, americani. continua "Quang Ngai" (Pubblicato il 04 marzo 2005) - Letture Totali 155 volte - Torna indietro

2 Commenti - Voti : 3 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Vietnam: tutti gli articoli/racconti Vietnam: tutti gli articoli/racconti
Can Cau: il più bel mercato del Vietnam Can Cau: il più bel mercato del Vietnam. Vi racconto una piccola parte del mio viaggio in Vietnam, di Thu Phuong per asiatica.com...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Can Cau: il più bel mercato del Vietnam su Twitter
Da Lao Cai alla baia di Halong, attraverso la capitale Hanoi Da Lao Cai alla baia di Halong, attraverso la capitale Hanoi. Da Lao Cai alla baia di Halong, attraverso la capitale Hanoi, di Adriano Socchi...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Da Lao Cai alla baia di Halong, attraverso la capitale Hanoi su Twitter
Saigon e il delta del Mekong Saigon e il delta del Mekong. Racconto di viaggio in Vietnam, rievocando la triste guerra americana, ma anche calandosi ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Saigon e il delta del Mekong su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Viaggio in evidenza!
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella