Home Destinazioni Destinazioni Antartide Antartide Antartide Antartide Antartide: Scelta e itinerario di un viaggio in Antartide Scelta e itinerario di un viaggio in Antartide

Scelta e itinerario di un viaggio in Antartide

Itinerari, Tour e Idee di viaggio

Una guida breve, ma molto completa, per orientare le scelte in vista di un viaggio in Antardide, tratta dal sitO http://www.patagoniaworld.it/

Scelta e itinerario di un viaggio in Antartide

Sito o fonte Web: www.patagoniaworld.it/ L'offerta di programmi in Antartide é cambiata molto negli ultimi anni: fino a qualche tempo addietro, l'unica possibilità di arrivarvi era l'uso di grosse navi di lusso, abitualmente utilizzate per le crociere nei Caraibi, quindi non attrezzate per la navigazione antartica ed in ogni caso destinate a viaggi di semplice svago e non certo esplorativi. Anche i costi erano elevatissimi, dovendo offrire lo stesso standard di vera e propria "crociera" del resto dell'anno. Infine, l'ambiente di bordo era molto lontano dallo spirito del luogo, ultima frontiera della conquista umana e simbolo di ambiente puro e inospitale.

Da qualche anno si é preferito puntare su soluzioni più tecniche e al contempo più consone all'ambiente in cui ci si muove. La dissoluzione dell'URSS ha portato sul mercato antartico una serie di ottime navi fabbricate negli ultimi anni nei migliori cantieri del mondo (spesso in Finlandia) ed appositamente progettate per la navigazione nei mari polari (Nord e Sud) allo scopo di effettuare approfonditi studi scientifici di varia natura; impossibilitato a mantenere una flotta così moderna e costosa per scopi non immediatamente produttivi, il governo russo ha deciso di offrire queste navi e i loro equipaggi al mercato turistico internazionale, identificando nell'Antartide un'area ideale per il loro impiego.

L'organizzazione del viaggio é sempre e comunque svolta interamente da società occidentali, nord-americane ed europee, mentre il personale che governa la nave (ufficiali, marinai e personale addetto a pulizie e manutenzione) é di nazionalità russa: ci teniamo a precisare che si tratta di persone estremamente capaci tecnicamente e molto disponibili sul piano umano; gli addetti a tutte le operazioni a contatto con i passeggeri (guide, esperti antartici, zoologi e personale di spedizione) sono occidentali.

Queste navi hanno degli itinerari variabili, già programmati con molto anticipo, e non é possibile in alcun modo alterarli su richiesta del cliente: in passato ci è stato chiesto da alcuni clienti di partire con una nave, fermarsi in zone di interesse alpinistico e poi tornare con un'altra nave. Ciò comporta due problemi: il primo é che la nave difficilmente si avvicina a punti dai quali siano facilmente accessibili montagne di alcun tipo; il secondo é che non esiste alcun traffico incrociato, ovvero non é possibile occupare per metà del viaggio delle cabine che siano state lasciate libere da passeggeri, per cui si dovrebbero pagare due programmi completi.

Che tipo di viaggio scegliere
I viaggi in Antartide si dividono fondamentalmente in due tipi:
• viaggi turistici in nave
• spedizioni alpinistiche
I viaggi turistici in nave sono accessibili a chiunque, senza alcun limite di età, necessità di preparazione fisica, allenamento ed acclimatazione, esperienza e conoscenza di tecniche alpinistiche o di sopravvivenza. Tutti i trasferimenti lunghi in Antartide avvengono a bordo do navi comode, sicure e ben gestite. L'atmosfera sulle navi é rilassata e informale e solo durante le discese a terra si richiede un po' di spirito di adattamento e di prudenza, in ogni caso in presenza di accompagnatori esperti. Durante la navigazione, verranno tenute, più volte al giorno, spiegazioni e incontri e proiezioni di diapositive e videocassette sui diversi temi relativi alle varie specie di animali, la storia e la morfologia dell'Antartide, la costruzione e l'organizzazione delle basi scientifiche: questi incontri, divertenti e di elevatissimo interesse, verranno tenuti da esperti qualificati provenienti da diverse parti del mondo (generalmente in lingua inglese), ai quali potrete rivolgere qualsiasi quesito.

Le spedizioni alpinistiche sono molto più impegnative (anche nei costi) e prevedono una preparazione più complicata e maggiore esperienza tecnica da parte dei clienti: per queste Vi preghiamo di contattarci di volta in volta, in modo da permetterci di fornirVi tutti i dettagli necessari.

Le navi antartiche
Offrono le seguenti caratteristiche tecniche: scafo rinforzato, adatto a sopportare senza danni urti con piccole masse di ghiaccio; modernissimi sistemi computerizzati di navigazione e comunicazione; sistemi di controllo delle oscillazioni dello scafo che riducono gli effetti del mal di mare; sale destinate ad uso biblioteca e/o conferenze e proiezioni esplicative delle caratteristiche degli ambienti che si va a visitare; equipaggio con grande esperienza di navigazione in area antartica. Infine, le dimensioni di queste navi sono assolutamente adeguate a garantire sicurezza e comfort necessari, ma abbastanza contenute per poter raggiungere tutti i punti di interesse, dove le grosse navi da crociera non potrebbero arrivare: un Articolo del già citato Trattato Antartico impone ai capitani delle navi di non far mai scendere in territorio antartico più di cento (100) persone alla volta, e questo significa che una grossa nave con 400-500 turisti a bordo offre ai suoi passeggeri un quarto o un quinto del tempo a terra rispetto ad una nave che ne ospiti fino a 100.

Programma tipo.
giorno 1 imbarco dai porti di Ushuaia o Punta Arenas nel primo pomeriggio e sistemazione nelle cabine riservate; partenza nel tardo pomeriggio
giorno 2 attraversamento del Canale di Drake (circa 1.000 km); questa giornata verrà dedicata ad una serie di attività a bordo, tra cui la visita della nave, la familiarizzazione tra i passeggeri e le varie persone che si occuperanno di loro, proiezione di diapositive e filmati, istruzioni per gli sbarchi a terra e l'osservazione dai ponti di bordo di uccelli e animali marini che potranno incrociare la nave, oltre che di qualche possibile iceberg...
giorno 3 arrivo in terra antartica intorno all'ora di pranzo o nel primo pomeriggio e probabile prima discesa a terra in un'isola degli arcipelaghi sub-antartici
giorno 4 - x visita della Penisola Antartica e delle isole che la circondano; tra i punti più interessanti, possiamo citare i seguenti (i nomi possono essere in inglese o spagnolo, secondo i casi): Isola King George, Isola Decepciòn (formata da un cratere vulcanico del diametro di 7 km, in cui la nave entra per un passaggio marino e in cui si trova una base baleniera abbandonata), Baia di Hope, Isola 25 de Mayo (dove sono situate diverse basi scientifiche), Bahìa Esperanza, Isola Paulet, Isola Cuverville, Paradise Bay (basi scientifiche), Anvers Bay (altre basi scientifiche), Isola Peterman, Port Lockroy, Canale di Le Maire, Stretto di Gerlache, e molti altri...
penultimo giorno attraversamento del Canale di Drake e passaggio per Capo Horn; qui si potrà ammirare da vicino uno dei più famosi punti del Sud America: il Capo é ben visibile durante il viaggio di ritorno, mentre all'andata lo si doppia durante la notte
ultimo giorno arrivo al porto di attracco (generalmente nella prima mattinata) e sbarco

Ricordate che tutte le navi adottano la politica dell'open bridge", ovvero offrono a tutti i passeggeri il libero accesso a tutte le parti della nave, incluso il ponte di comando, in qualsiasi momento della giornata: é decisamente emozionante vedere dall'alto gli iceberg che si avvicinano e gli ufficiali intenti a scrutare i radar per evitarli...

Viaggi alpinistici
L'unica alternativa ai viaggi in nave é rappresentata da un operatore anglo-americano (ANI) che dispone di propri aerei che partono generalmente da Punta Arenas (Cile) per atterrare nell’aeroporto cileno sull’isola Rey Jorge, per poi proseguire con aerei più piccoli per l’aeroporto privato di Patriot Hills, alla base della Penisola Antartica, interamente gestito dall'operatore stesso, con costi molto elevati (la pista é di ghiaccio vivo e deve essere mantenuta sgombra e pulita nei periodi di attività). Di qui ci si sposta verso le zone di interesse alpinistico, tra cui la più frequentata é naturalmente il Massiccio del Vinson, la più alta montagna del continente, o verso altri punti di interesse (Polo Sud, etc.) per viaggi più tradizionali. Una spedizione di questo tipo richiede una preparazione accurata e costi adeguati: se siete interessati ad un viaggio di questo tipo, contattateci con largo anticipo.

Le basi antartiche
I turisti sono autorizzati a visitare alcune delle basi che si incontrano lungo il percorso delle navi. Non é possibile stabilire a priori quali esse saranno, a causa delle variabili condizioni meteorologiche, degli impegni del personale residente ed anche per l'eventualità che sia già presente qualche altro gruppo turistico. Il capitano della nave o il capo-spedizione, giunti in prossimità della base stessa, la contattano via radio per chiedere il permesso di sbarco. Ottenuta l'autorizzazione, i passeggeri accedono alla struttura e sono tenuti a seguire rigorosamente le regole di sicurezza e rispetto del lavoro degli scienziati e di chi con loro lavora. In molte basi é possibile acquistare souvenirs, spedire posta (che arriva in Europa normalmente entro 2-3 mesi) e farsi mettere un timbro sul passaporto.

Come scegliere un viaggio in nave in Antartide

I parametri fondamentali di scelta sono 3:
a) periodo di effettuazione e durata della navigazione
b) itinerario della navigazione
c) costo della navigazione (livello nave e tipo cabina)

Periodo: per evidenti motivi meteorologici, le navigazioni antartiche si effettuano abitualmente tra Novembre e Marzo; tutto questo periodo è consigliabile per il turismo, sia dal punto di vista delle temperature, che per la sicurezza della navigazione, la presenza degli animali e la spettacolarità dell’ambiente; abitualmente le prime (Novembre) e le ultime (Febbraio-Marzo) partenze della stagione hanno percorsi più lunghi ed includono più frequentemente isole degli arcipelaghi sub-antartici (South Georgia, Falklands/Malvinas, etc.); le navigazioni più economiche sono concentrate nei mesi di punta di Dicembre e Gennaio; visto che il mercato principale di queste navi è quello nord-americano, che non ha periodi di grande concentrazione (gli Americani non amano molto viaggiare a Natale), quasi tutta la stagione ha prezzi abbastanza uniformi, senza grossi aumenti per le festività.

Potrete quindi scegliere qualsiasi data, in base alla Vostra disponibilità: tutte le partenze sono in periodo meteorologicamente e logisticamente adeguati al viaggio.

Itinerario della navigazione: tutte le navigazioni includono la Penisola Antartica e le Shetland del Sud, che rappresentano l’area ideale per unire facilità di accesso, presenza di punti di interesse (animali, panorami e basi), sicurezza e soprattutto il miglior rapporto fra tempo totale e possibilità di discesa a terra; i viaggi che includono altri arcipelaghi (Georgia del Sud, Orcadi del Sud, Falklands/Malvinas, etc.) uniscono la Penisola ad altre isole che offrono ambienti piuttosto diversi :

a) nella Penisola Antartica non c’è vegetazione (salvo alghe e licheni), mentre negli arcipelaghi ci sono arbusti e qualche albero
b) per effetto della diversa vegetazione e del clima un po’ più temperato, anche la fauna è diversa: per esempio, non si vedono pinguini reali nella Penisola, ma ce ne sono in grandi quantità alle Georgia del Sud ed alle Falklands/Malvinas
c) per raggiungere certi punti possono essere necessari tempi di navigazione più lunghi (come per le Georgia del Sud) o voli di collegamento (per esempio se ci si imbarca o si sbarca alle Falklands/Malvinas)

Alcuni itinerari infine si spingono più a sud, fino a raggiungere il Circolo Polare Antartico, oppure passano da un continente all’altro (per esempio le semi-circumnavigazioni Ushuaia-Australia o viceversa): in quest’ultimo caso va tenuto presente che la tariffa aerea si incrementa sensibilmente.

IMPORTANTE: in nessun viaggio l’organizzatore fornisce l’itinerario specifico della navigazione, ovvero un programma in cui giorno per giorno (o ora per ora) si dettaglino i percorsi ed i punti visitati: questo non avviene per mancanza di serietà, ma solo perché il percorso può essere stabilito dal capitano dalla nave e dal capo-spedizione giorno per giorno, in base alla situazione meteo ed alla presenza di altre navi (non si possono portare a terra più di 100 persone insieme). Per gli stessi motivi, non sarà possibile garantire tutte le discese a terra previste: in caso di vento o mare molto mosso, il capitano potrà decidere di cancellarle, per tutelare la sicurezza dei passeggeri. Se è specifico interesse degli ufficiali e dell’organizzatore che il viaggio sia quanto più possibile completo e soddisfacente, non va mai dimenticato che il tutto si svolge in un ambiente difficile e poco ospitale, dove la sicurezza deve essere assoluta ed è precisa responsabilità dell’equipaggio rispettare strettamente tutte le regole di prudenza. Qualsiasi modifica verrà decisa solo nell’interesse e nel rispetto dei passeggeri.

Costo della navigazione:
Dipende da diversi fattori, ovvero:
a) livello generale della nave: alcune navi hanno stile di costruzione e servizi a bordo “da crociera” (es.: Bremen, Explorer, Hanseatic, World Discoverer) e dispongono quindi di cabine più curate e magari saloni comuni iù “estetici”; generalmente hanno prezzi più elevati; le altre navi, generalmente russe (anche se qualcuna ha un secondo nome in inglese), sono comunque comode e confortevoli, con cabine magari un po’ più piccole (ma sempre esterne) e dotate di tutto quanto serve
b) tipo di cabina: è possibile risparmiare cifre interessanti scegliendo cabine di livello inferiore: queste sono abitualmente ubicate sui ponti più bassi (non è un grande inconveniente, visto che si può circolare liberamente su tutta la nave) e possono avere una superficie inferiore; più determinante il tipo di bagno disponibile: oltre alle cabine con proprio bagno ad uso esclusivo, sono disponibili (su certe navi) cabine con bagno semi-privato (un bagno condiviso fra 2 cabine, con accesso interno alla cabina – ideale per gruppi familiari o di 4 amici), oppure con bagno condiviso: in questo caso i servizi sono esterni alla cabina e vanno divisi con altri passeggeri dello stesso sesso (ci sono cioè servizi per donne e servizi per uomini, separati); l’altissimo livello igienico, la suddivisione su diversi ponti ed il contenuto numero di passeggeri fanno sì che questi bagni vengano condivisi generalmente con non più di 5-6 altre persone; inoltre il buon livello culturale dei viaggiatori antartici mette al riparo da situazioni spiacevoli

Ci permettiamo di consigliare a chi vuole rientrare in un certo budget di privilegiare sempre una navigazione più lunga, eventualmente riducendo il livello dei servizi: questi ultimi saranno sempre dignitosi, ma vi permetteranno di godere lo straordinario ambiente, mentre un percorso più breve vi priverà di emozioni irripetibili.

Per maggiori info scrivere a info@patagoniaworld.com (Pubblicato il 13 gennaio 2005) - Letture Totali 225 volte - Torna indietro

1 Commenti - Voti : 2 Media :   Commenti Leggi i commenti...

Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Antartide: tutti gli articoli/racconti Antartide: tutti gli articoli/racconti
Cronache dall'Antartide Cronache dall'Antartide. Cronache in tempo - quasi reale - dall'Antartide, di Marco Taviani, ricercatore del CNR
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Cronache dall'Antartide su Twitter
Antartide Antartide. Le informazioni che seguono si riferiscono esclusivamente alle spedizioni in nave, caso in...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Antartide su Twitter
Antartide Antartide. Da non perdere
Gli animali allo stato libero costituiscono senz'altro una delle princ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Antartide su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella