Home Destinazioni Destinazioni Europa Europa Italia Italia Italia: Little adventure: tra valli, pascoli e fortezze Little adventure: tra valli, pascoli e fortezze

Little adventure: tra valli, pascoli e fortezze

Itinerari, Tour e Idee di viaggio

Facile itinerario fuoristrada per 4x4 tra la Valle Chisone e Valle di Susa, in Piemonte, Italia, di Robo Gabr'Aoun - Inviato il 13 gennaio 2004 da Robo GabrAoun.

Little adventure: tra valli, pascoli e fortezze

Vi propongo un itinerario, da effettuare in un week end, su strade bianche di montagna, con diversi valichi in quota, sullo spartiacque tra le Valli Chisone e di Susa, in Piemonte. L’itinerario non presenta alcuna difficoltà per qualsiasi tipo di mezzo a quattro ruote motrici, se non un minimo di attenzione in qualche tratto esposto.

L’intera tratta segue comunque una vecchia strada militare ad alta quota, ampia e a fondo buono costantemente bonificata dagli addetti ai lavori dei Parchi Naturali attraverso i quali si snoda (Orsiera Rocciavrè, Gran Bosco di Salbertrand). Gli scorci paesaggistici sono unici, mozzafiato. Diverse le possibilità di pernottamento e sosta per pantagruelici pasti, a costi decisamente inferiori all’ordinario ma di qualità eccelsa. Preparazione del mezzo: Nessuna. Dotazione di bordo: di base. Difficoltà: minima.



Possibilità di smarrire la strada: minima. Cartine utili:Istituto Geografico Centrale, cartina n° 1 Valli Susa,Chisone e Germanasca scala 1:50.000. Punti di ristoro: Rifugio Sellerie , Agriturismo Pian Dell’ Alpe, Rifugio La Capannina, Alberghi di Prà Catinat, ex Sanatorio Agnelli. Punti di interesse storico: Forte S.Carlo, Forte delle Valli, Forte del Dado, Forte di Serre Marie, Fortificazioni del Colle delle Finestre, Testa dell’Assietta, Fortificazioni del Lago Nero e del Colle Saurel (Lago di Gignoux).

L’avventura incomincia in media Valle Chisone, la grande vallata che conduce dalla piana di Pinerolo al Colle del Sestriere. Percorrendo la Statale 23 si arriva in breve all’abitato di Depot, pochi chilometri a valle rispetto al più grande centro di Finestrelle. Alla periferia ovest dell’abitato un grande cartello indicatore mostra sulla destra l’imbocco della strada asfaltata che conduce a Pra’ Catinat, distesa erbosa a circa 1500 metri di quota,portante il nome del Generale Francese battuto dalle Armate Piemontesi nel ‘700, nella storica battaglia del Colle dell’Assietta.



La strada si innalza in ripidi tornanti superando gli ex-Sanatori Agnelli, ora restrutturati e sede di un albergo, e raggiunge in pochi chilometri il Mastio del Forte Delle Valli, ultimo caposaldo della Fortezza San Carlo, la quale si snoda dal letto del torrente Chisone fin qui, a quota 1500 metri, in un susseguirsi incredibile di casematte, bastioni, torrioni e muri di contro scarpa che non ha eguali in tutta Europa. Consiglio una sosta in prossimità del portale d’accesso al ponte levatoio del Forte, visibile dalla strada. La vista verso valle di qui è impressionante. Non sarà l’unica occasione per ammirare l’immane opera di architettura militare...

Continuando mantenendo la destra (un bivio scende in una borgata sottostante, sulla sinistra della principale), si raggiunge in circa un chilometro il grande pianoro di Prà Catinat. Un cippo monumentale, con annessa fonte ricorda la quota della località. Prima di raggiungere la fonte, sulla destra della strada asfaltata si diparte una sterrata. Un cartello turistico indica la località Rifugio Selleries a circa 12 chilometri. Imbocchiamo la sterrata. Attraverso un bosco di larici, in stretti tornanti la stradina si inerpica ai pascoli in quota, costeggiando i contrafforti del Massiccio del Monte Orsiera.

Siamo in breve tempo in una conca maestosa, contornata da guglie di granito degradanti nel pianoro in declivi erbosi, colorati da macchioni di rododendri. Piccoli specchi d’acqua punteggiano la piccola piana, ed a oriente la vista spazia verso la bassa Valle Chisone. Al centro della conca una serie di costruzioni, il Rifugio Selleries,al cortile del quale termina la carrareccia. Di qui in poi l’unico mezzo di trasporto consentito sono… i piedi.

Quindi, per proseguire il nostro giro in 4x4 occorrerà ritornare al vicino Prà Catinat. Al rifugio la cucina è ottima, assolutamente casalinga. Il gestore del Rifugio, Giovanni Ruffino, saprà raccontarvi tutti i misteri delle vette circostanti e, se vi fermate per la notte, rallegrerà la vostra serata con la sua chitarra e la sua ottima grappa di mirtilli. continua "Little adventure: tra valli, pascoli e fortezze" (Pubblicato il 13 gennaio 2004) - Letture Totali 254 volte - Torna indietro



Ti è stato utile (ti è piaciuto) questo contributo? Votalo!

Pagine correlate...


Italia: tutti gli articoli/racconti Italia: tutti gli articoli/racconti
Idea per un lungo weekend estivo diverso dal solito Idea per un lungo weekend estivo diverso dal solito. Se al villaggio turistico hai già dato e il tour di gruppo non è l'ideale per una vacanza ...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Idea per un lungo weekend estivo diverso dal solito su Twitter
Visita ai resti archeologici di Massaciuccoli Visita ai resti archeologici di Massaciuccoli. Se siete appassionati di escursioni naturalistiche, a Torre del Lago, vicino Viareggio, no...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Visita ai resti archeologici di Massaciuccoli su Twitter
Tutti in Umbria! Tutti in Umbria!. Umbria da record! Nonostante una sua parte sia stata colpita dai terremoti di fine 2016, l...
Invia ad un amico Invia ad un amico Condividi Tutti in Umbria! su Twitter

Questo contributo è frutto di un invio esterno a Viaggiatorionline.com. Se sei certo che esso violi le regole del Diritto d'Autore o della Proprietà Intellettuale ti preghiamo di avvisarci immediatamente utilizzando i Commenti, aggiungendo poi Abuso e motivazione. Grazie

Registrati come Operatore Turistico
I Top LIKE...
NEWSLETTER VIAGGIATORIONLINE
Ricevi News, Consigli e Offerte direttamente sulla tua casella!

Iscrivi Cancella